La mission

restauratriceCome un archeologo, scavare nel passato - strato dopo strato - seguendo il filo di un racconto perduto. Un filo di storia, un intreccio di secoli sbiaditi, un arazzo della nostra memoria.
Restaurare un tessuto antico è strappare all'oblio una testimonianza di stoffe e colori come reperto della nostra identità.
"é un operazione non solo manuale ma anche un po' filosofica, perché senti con la punta delle dita il pensiero e la devozione tracciati con seta e metalli preziosi su un paramento liturgico intessuto come un atto di fede". Tiziana Iozzia ama definire così la propria arte.

Un mestiere che l'ha portata lontano, dai primi passi nell'istituto d'Arte di Comiso - dove ha appreso le basi della tecnologia tessile e della decorazione su tessuto - ai corsi professionali di restauro tessile a Siena e Volterra. Ed è qui, in Toscana, terra di grandi maestri del telaio, che Tiziana ha avuto l'opportunità di maturare questa passione affinando teoria e manualità su un patrimonio storico-artistico di valore e bellezza inestimabili. Parati, addobbi nobiliari, paramenti sacri realizzati con fili di seta policroma e ricami colore argento. "Per molti anni - racconta Tiziana - tutto questo è stato oggetto di didattica, di studi confinati alla teoria. Poi i laboratori estivi a Ibla e a Comiso mi hanno dato la possibilità di muovere i primi passi nella pratica. Un'esperienza che ho potuto approfondire, negli anni successivi, grazie agli stage formativi svolti in prestigiosi laboratori della Toscana.

 

Studi e formazione
1. Istituto Statale d’Arte di Comiso, diploma di Maestro d'Arte e maturità d’arte Applicata - sezione Arte del Tessuto
2. Laboratorio di restauro tessile – Siena – stage formativo di 2100 ore sul restauro dei tessuti
3. CCTA Centro per la conservazione del Tessile Antico – Volterra – approfondimento della durata di 1000 ore
4. Regione siciliana – Provincia di Ragusa – Soprintendenza della Toscana – Operatore Restauro Beni Culturali – Corso della durata di 2100 ore di cui 656 dedicate alla teoria e 1440 ore dedicate alla pratica.

Alcuni lavori di restauro

- Castello di Donnafugata Ragusa, restauro di tutti i tessuti delle tappezzerie di tutti gli arredi (200 pezzi)
- Monastero delle Benedettine del SS. Sacramento di Ragusa Ibla, restauro di alcuni paramenti sacri
- Diocesi di Nicosia chiesa di Santa Maria Maggiore(En), restauro dello Stendardo professionale
- Museo Diocesano della chiesa Cattedrale di San Giovanni Battista di Ragusa, restauro del corredo liturgico
- Palazzo Mirto di Palermo, restauro della collezione di abiti d’epoca Ortolani Bordonaro
- Diocesi di Ragusa chiesa dell’Annunziata di Comiso, restauro del Telo quaresimale del Quintavalle
- Museo diocesano di Caltanissetta, restauro di alcuni paramenti sacri di particolare pregio
- Diocesi di Ragusa chiesa Cattedrale di San Giovanni Battista di Ragusa, Restauro della Taledda (dim.9x13)metri
- Diocesi di Enna chiesa di Maria SS. della Visitazione (Duomo), restauro del Tosello d’altare
- Diocesi di Caltanissetta chiesa di San Luca, restauro dei paramenti sacri
- Regione Siciliana Palermo, restauro di n°4 Paliotti delle chiesa di San Giuseppe dei Teatini e n°1 Piviale della chiesa di San Domenico
- Diocesi di Caltanissetta chiesa di San Ludovico di Mussomeli, restauro del corredo liturgico processionale.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo