Il nostro lavoro consiste nel restauro di tessuti d'epoca, restauro paramenti sacri, restauro tessili antichi ed operiamo nella provincia di Ragusa, in Sicilia e in tutta Italia. Qui di seguito potrai ammirare la bellezza di questi pezzi d'autore che noi di restauro tessuti abbiamo riportato allo stato originale.

Castello di Donnafugata Ragusa

castello di_donnafugataIl castello conta ben 144 vani e si estende su una superficie di 2500 mq, mentre l’attiguo parco ha un’estensione di circa 12 ettari. Il fabbricato si compone di una base usata per locali di deposito, la cucina, l’ex teatro, la chiesa, mentre a primo piano esistono le zone della foresteria, la zona della rappresentanza ed i salotti. Il restauro delle tappezzerie nelle dimore storiche costituisce un campo d’intervento assai complicato per la complessità propria delle opere in questione. I problemi di conservazione dei tessili d’arredo sono aggravati e accelerati dal lungo perdurare delle condizioni ambientali. Per tutte le sale è stato eseguito un programma di manutenzione e di restauro per conservare un’importante testimonianza aristocratica e storica del nostro passato.

Leggi tutto >

Paliotti d'altare

PA -_Chiesa_di_San_Giuseppe_dei_Teatini_1

Il restauro dei Paliotti di San Giuseppe dei Teatini
I paliotti sono stati sottoposti prima ad una pulitura tramite un’aspirazione con macro e microaspiratore su tutta la superficie, su recto e verso eseguita con l’ausilio di alcuni pennelli morbidi per facilitare la rimozione dello sporco superficiale. Dopo i manufatti sono stati trattati in modo minuzioso per la rimozione dell’ossidazione dei filati metallici con pulitura meccanica eseguita con l’uso di cotone imbevuto con una soluzione detergente acquosa . In un secondo momento i manufatti sono stati sottoposti ad una vaporizzazione a freddo eseguita per la rimozione completa dei depositi di sporco.

Leggi tutto >

Il gilet e la mantella

a newIl gilet è stato sottoposto ad una accurata pulitura con micro aspiratori per rimuovere lo strato di polvere grassa restituendo brillantezza al tessuto. Il manufatto è stato vaporizzato a freddo e Mantello newintervenendo sul tessuto umido è stato possibile recuperare molte deformazioni e ricomporre le lacerazioni più gravi. Il consolidamento delle zone lacerate è stato condotto a cucito con l’inserimento di supporti locali in seta. La mantella è stata sottoposta prima ad una pulitura  tramite un’aspirazione con microaspiratore su tutta la superficie, su recto e verso. Il manufatto è stato smontato dai vecchi restauri ed in seguito sottoposto ad un test di stabilità dei colori, ed è stata  vaporizzata a freddo per ripetute volte. La mantella è stata riposizionata tramite l’impiego di spilli entomologici e fatta asciugare naturalmente in un ambiente areato. Dopo ha avuto inizio il riposizionamento dei filati metallici sollevati con l’impiego del punto posato, mentre le zone indebolite sono state consolidate. 

Leggi tutto >


Marsina e Sotto Marsina

a1 new

L’intervento di restauro della marsina è stato condotto operando parallelamente su due fronti: quello del consolidamento dei singoli materiali di confezione e quello della conservazione della struttura sartoriale nel suo insieme. Il manufatto tessile è stato sottoposto ad una pulitura minuziosa per la presenza di consistenti depositi di polvere, con micro aspiratori. Trattamenti ripetuti con vapore freddo hanno reidratato il tessuto favorendo il recupero delle gualciture.
sotto Marsina_newPer il consolidamento dei materiali tessili si è proceduto con tecniche convenzionali a cucito evitando quasi totalmente lo smontaggio, al fine di preservare le cuciture originali. Limature e lacerazioni interessavano essenzialmente la fodera in corrispondenza delle zone di maggiore usura. Il consolidamento è avvenuto localmente con l’applicazione di supporti in seta e proteggendo queste zone con rete maline trasparente, fermata a cucito. Il tessuto della sotto marsina appariva infragilito e disidratato con grandi aloni gialli, anneriti a causa dell’ossidazione, che segnavano la stoffa in corrispondenza del giro manica. Lo strato di polvere è stato rimosso con micro aspiratori. Una reidratazione delle fibre è stata ottenuta tramite l’umidificazione con vapore freddo sul dritto e sul rovescio dei tessuti. Le macchie più vistose sono state trattate localmente con solventi idonei. Il tessuto è stato consolidato a cucito localmente con supporti in seta e applicando delle mascherine in rete di poliestere trasparente sul dritto della stoffa a protezione delle zone più danneggiate. Questa tecnica di consolidamento ha garantito la stabilità dei materiali di confezione assicurando l’esposizione verticale della sottomarsina.

Leggi tutto >

Tosello – Enna

tosello 1Damasco classico(bordo) e velluto tagliato unito a un corpo ricamato ad applicazione ad ago(fondo) dim. 240x200 manifattura italiana, seconda metà del XVI secolo.
Motivo ad impostazione orizzontale e sviluppo sinusoidale. Ariosi girali vegetali, da cui originano foglie d’acanto e infiorescenze con petali lanceolati, si snodano con andamento ondulante, in assetto speculare. Il dossale, attualmente ubicato sul fondo dell’abside della chiesa madre ennese, venne originariamente commesso dall’amministrazione della stessa chiesa per costruire il fondale del seggio ecclesiastico.

Leggi tutto >

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo